Mangiare troppo e in maniera non corretta può causare sovrappeso, ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa e sindrome metabolica, aumentando il rischio di malattie cardiovascolari, diabete e tumori.

Il trattamento delle malattie cardiovascolari oltre alla necessaria terapia farmacologica richiede un cambiamento delle proprie abitudini di vita.

L’insorgenza di malattie cardiovascolari è correlata al livello di concentrazione di colesterolo nel sangue. L’ipercolesterolemia è legata ad un’alimentazione squilibrata, al fumo, alla sedentarietà, al sovrappeso, al diabete; più raramente è dovuta a un’alterazione genetica.

Un’alimentazione sana può ridurre il colesterolo nel sangue fra il 5% e il 10%; una riduzione del 10% della colesterolemia riduce la probabilità di morire di una malattia cardiovascolare del 20%.

La maggior parte dei casi di ipertensione è dovuta ad abitudini di vita non corrette. Fin dalla giovane età è consigliabile mantenere la pressione arteriosa a livelli desiderabili seguendo un’alimentazione sana e praticando regolare attività fisica. È fondamentale tenere sotto controllo il peso. Con l’aumento di peso il cuore deve pompare con più energia per mandare il sangue in tutti i tessuti.

Il mio intervento nutrizionale, di tipo preventivo e di supporto terapeutico, in ambito cardiovascolare, si basa su differenti strategie nutrizionali per il paziente cardiopatico o iperteso in relazione alla sua situazione clinica precedentemente diagnosticata dal cardiologo.

Un approccio condiviso tra gli specialisti sarà un supporto per il paziente a partire dalla prognosi e per tutta la durata della terapia.

Contattami
Hai bisogno di aiuto?
Ciao,
come posso aiutarti?